Crea sito

Consigli realizzativi

Per auto-realizzare i miei progetti serve ovviamente un minimo di esperienza nella realizzazione dei circuiti stampati.

Non sto a scriverne una guida, in internet ne trovate tante.

Come vedete i miei progetti sono quasi interamente realizzati con la tecnica SMD, cioè con i componenti piccoli piccoli saldati sul pcb lato rame.

Ci sono vantaggi notevoli in ciò, a partire dalla molto minore quantità di buchi che si devono fare, allo spazio più piccolo che si occupa, alla maggior facilità di saldatura. Inoltre di componenti smd come resistenze, condensatori, diodi, ne potete recuperare a bizzeffe da qualunque apparato elettronico in disuso dissaldandoli con estrema facilità (se avete due saldatorini staccarli è uno scherzo).

Non spaventatevi, non serve assolutamente una stazione di saldatura professionale, solo è indispensabile disporre di:

  • Un saldatore a temperatura controllata, punta da 2-3 mm
  • Flussante in gel (lo trovate su ebay dai cinesi a pochi euro)
  • Stagno diametro 2 mm (NON compratelo dai cinesi)
  • Alcool e pennello per pulire
  • Treccia dissaldante (per i casi disperati)
  • Uno spray di plastica protettiva per circuiti stampati
  • La lampada con lente incorporata per chi come me รจ un po' orbo
  • Il saldatore ad aria calda serve solo nel caso malaugurato che dobbiate dissaldare un IC

Gli integrati che uso hanno (quasi) tutti un interasse tra i pin di 1,27 mm e si riesce benissimo anche a saldare un pin alla volta. Io uso una temperatura di circa 275 gradi.

L'importante è sporcare prima tutti i pin e/o il rame con il flussante.

Se vi si incollano due pin pulite la punta del saldatore e passatelo sui pin in modo che poco alla volta, ripetendo l'operazione, tiri via lo stagno in eccesso. Se non riuscite metteteci sopra un altro po' di gel e ripetete.

Nei casi disperati o per dissaldare un IC in assenza di stazione ad aria calda usate la treccia dissaldante.

I chip Microchip e Maxim si trovano molto facilmente, addirittura se avete a disposizione un indirizzo email "aziendale" (cioè che non sia un dominio pubblico come Google o libero o yahoo...) ve li potete far mandare gratuitamente come campioni.

Il chip Siemens TPUART è complicato da reperire e probabilmente se non "siete" un'azienda elettronica non ve lo vendono neppure... ma le strade sono tante---